Warning: call_user_func_array() expects parameter 1 to be a valid callback, no array or string given in /home/mhd-01/www.robsom.org/htdocs/lafabbricadeisogni/wp-includes/class-wp-hook.php on line 286

Thor: the dark world

November 14th, 2013 by

Finalmente siamo andati a vedere questa seconda avventura cinematografica di Thor.
A parte l’esperienza mistica del multisala pieno di imbecilli, raccontata altrove, che dire? Che ci si diverte, forse un poco meno che nel primo film, ma ci si diverte molto ed é sempre un bel vedere. Ce n’é per tutti i gusti: cose che fanno booom, cose che atterrano, che vengono scagliate qua e la con o senza l’intervento del martello di Thor, un bella ricostruzione di Londra, vichinghi che festaggiano … e loro sí che ci sapevano fare. Poi ci sono bei marcantoni, e bellissime donne, Jaimie Alexander, signore e signori:thor-sif-jaimie-alexander
Natalie Portman che schiaffeggia in serie Chris Hemsworth e Tom Hiddleston vale tutto il film. Qui abbiamo un debole per la Portman, da sempre.

Ho sostenuto per anni che Thor non era un supereroe che mi sarebbe piaciuto, sbagliavo, e non é tutto merito del ‘martello’!

Non é il supereroe danneggiato e oscuro che mi intriga solitamente (Batman, sí) ma c’é tutto il fascino delle divinitá vichinghe e il suo travagliato dover scegliere tra l’essere re e …

Menzione speciale per Kit Dennings (2 Broke Girls) che ha una fisicitá e un tempo comico pazzeschi. Sí, é questa qui.

Bella davvero la sigla di coda con i credit, uno stile fumetto-schizzo molto appropriato. Alla Marvel hanno mantenuto la tradizione di un piccolo assaggio delle prossime avventure piazzato dopo i credit, quando la gente che soffre di iperattivitá o vescica debole ormai é uscita dalla sala; a questo giro per esagerare ne hanno messi addirittura due. Ringraziamo.

Se dopo averlo visto vi restano alcune domande qui trovare delle risposte: SPOILER ALERT!

Be Sociable, Share!

Tags: , , , , ,

3 Responses to “Thor: the dark world”

  1. schuck says:

    non sono mai stato un patito di film di supereroi (a meno che il supereroe in questione non vesta di nero e viva a gotham city, allora si, posso guardarli..), e anche in questo caso non faccio eccezione.
    Forse anche perchè non sono mai stato un patito di fumetti marvel e dc, probabilmente.
    E nonostante il mi apprezzamento per la mitologia nordica (per il semplice motivo che mitologia nordica:fantasy=farina:pane), Thor non mi ha mai colpito molto, mi è sempre sembrato parecchio fuori luogo in un contesto contemporaneo.
    Però nr 1: Kit Dennings: mai vista in vita mia. E me ne sto pentendo fortissimamente
    Però nr 2: il Mjollnir ha sempre il suo perchè.
    ps: comunque Thor era vikingo, non texano, nè un surfista californiano… ncs 🙂

  2. robsom says:

    Thor e’ fuori luogo in contesto moderno. E’ proprio quello il punto. Comunque gran parte del film (e anche del precedente) si svolge fuori dalla Terra, su Asgard e altri mondi. Dagli una chance, e non solo per Kat (e Natalie e Jaimie).

    PS: comunque Chris Hemsworth e’ australiano e dall’aria potrebbe anche averle ascendenze nordiche, direi.

  3. gin says:

    Schuck, guarda pure io non ero tanto dell’idea di Thor, un po’ per motivi simili ai tuoi. Batman é sempre stato il mio supereroe, nero, misterioso, sul bilico tra buono e cattivo … ci siamo capiti. Peró mi sono ricreduta su Thor, la mitologia che é preponderante é davvero affascinante e lui come diceva Robsom ha molto l’aria nordica e proprio poco quella americana, colpevole anche un accento insolito. Le scene girate su mondi diversi da quello terrestre sono davvero godibili.
    Non é Batman, ma é un buon supereroe per una serata in cui non voi impegnare troppo il neurone.

    Sapevo che Kit Dennings ti sarebbe piaciuta 😉