Warning: call_user_func_array() expects parameter 1 to be a valid callback, no array or string given in /home/mhd-01/www.robsom.org/htdocs/lafabbricadeisogni/wp-includes/class-wp-hook.php on line 286

Posts Tagged ‘Steven Soderbergh’

Behind the candelabra

Sunday, December 8th, 2013 by

Film uscito qualche mese fa in USA, prodotto da HBO per la TV. Avevo letto un’interessante intervista-promozione a Michael Douglas a suo tempo e ne ero rimasta affascinata. Non solo per la storia in sé, ma per quanto Douglas raccontava del protagonista principale, consciuto nella vita reale. Apparentemente Liberace era una conoscenza di famiglia; immagino amicizie hollovwoodiane tra attori, cantanti e compagnia bella.
Liberace é per noi europei un perfetto sconosciuto o quasi. Per riassumere é stato un pianista, grande intrattenitore, con una sessantina di concerti sempre esauriti in pochi anni. Era un tizio un po’ eclettico (eufemismo); nel film spiega brevemente come nasce la sua passione per gli strass e i candelabri, le scenografie eccessive, i vestiti assurdi, i pianoforti luccicanti … “i pianisti tradizionali sono vestiti di nero, suonano davanti a un pianoforte nero, chi mi avrebbe mai notato vestito cosí?” e in effetti ha trovato un modo per essere notato, a voi una foto dell’originale Liberace:

Il trionfo del kitsch all’ennesima potenza. Stile non precisamente nelle mie corde, eppure … eppure il film mi é proprio piaciuto.
Il film si concentra sul periodo in cui Liberace incontra, si innamora e inzia una relazione che definiremo complessa, con un giovanotto assai piú giovane di lui, interpretato per noi da Matt Damon.
Non vi racconto la storia, che é commovente e spesso ironica, divertente nei suoi eccessi. Vi diró soltanto che Douglass e Damon sono grandiosi! bravissimi nel non cadere nel grottesco, nel non esagerare e non esagerare nell’interpretare Liberace credetemi é davvero difficile. Douglas ne imita accento e movenze alla perfezione, se confrontate il film con video originali scoprite una somiglianza imbarazzante.

Se volete una storia diversa, nuova per noi europei, vera e intensa, fate una ricerchina veloce: fino a ieri sera era integrale sul TuTubo ;).

Il trailer:

Eros

Thursday, November 3rd, 2005 by

Io ho sempre avuto un rapporto difficile con il cosidetto cinema d’autore. Quell’atteggiamento da “sono un regista così bravo che faccio film solo per 5 persone perchè sono gli unici 5 al mondo che possono capire il mio genio” mi ha sempre irritato profondamente. Tanto per cominciare “Genio” ti chiamano gli altri, non ti ci chiami da solo e poi se i tuoi film (libri, canzoni, ecc…) possono essere capiti solo da 5 persone al mondo non sei un genio, ma un incompetente che non è in grado di comunicare quello che vuole. Soprattutto quando alla spocchia intellettualoide spesso si accompagnano innegabili capacità tecniche, che vengono usate tanto per far vedere di esserne in grado. E questo è quello che rovina Eros. Peccato, perchè l’idea di un film a episodi, ognuno lasciato alla fantasia di un regista diverso, per visitare l’erotismo, la passione e il desiderio mi intrigava parecchio.

Cominciamo da Antonioni, uno che è il prototipo di questo tipo di cinema. Il suo episodio (Il filo pericoloso delle cose) è una sequenza di scene mal recitate, vagamente collegate una all’altra, di cui non si capisce quale sia il filo conduttore. Indubbiamente il suo è un caso esemplare di genio incompreso.
Soderbergh, che pure è un bravo regista (e si vede), confeziona Equilibrium, un gioiellino divertente, ben fatto, ottimamente girato, con una meravigliosa gestione delle luci e dei colori che ne rivela chiaramente l’abilità. Un bell’esercizio stilistico, che però cosa c’entri con l’eros rimane un mistero che il regista non si è degnato di chiarire.
Kar Wai Wong con The Hand è l’unico che sembra essere rimasto in tema, anche se la tira decisamente troppo per le lunghe. Nella storia dell’ascesa e caduta di una prostituta d’alto bordo e della strana relazione che si sviluppa con il suo sarto di fiducia riesce a girare, senza mostrare nulla, una delle scene più sensuali che mi sia mai capitato di vedere, dimostrando abilmente che l’erotismo è innanzitutto un fatto di testa.

E’ buffo. Sei alla ricerca della purezza e finisci sempre nella merda.