Warning: call_user_func_array() expects parameter 1 to be a valid callback, no array or string given in /home/mhd-01/www.robsom.org/htdocs/lafabbricadeisogni/wp-includes/class-wp-hook.php on line 286

Posts Tagged ‘Natalie Portman’

Thor: the dark world

Thursday, November 14th, 2013 by

Finalmente siamo andati a vedere questa seconda avventura cinematografica di Thor.
A parte l’esperienza mistica del multisala pieno di imbecilli, raccontata altrove, che dire? Che ci si diverte, forse un poco meno che nel primo film, ma ci si diverte molto ed é sempre un bel vedere. Ce n’é per tutti i gusti: cose che fanno booom, cose che atterrano, che vengono scagliate qua e la con o senza l’intervento del martello di Thor, un bella ricostruzione di Londra, vichinghi che festaggiano … e loro sí che ci sapevano fare. Poi ci sono bei marcantoni, e bellissime donne, Jaimie Alexander, signore e signori:thor-sif-jaimie-alexander
Natalie Portman che schiaffeggia in serie Chris Hemsworth e Tom Hiddleston vale tutto il film. Qui abbiamo un debole per la Portman, da sempre.

Ho sostenuto per anni che Thor non era un supereroe che mi sarebbe piaciuto, sbagliavo, e non é tutto merito del ‘martello’!

Non é il supereroe danneggiato e oscuro che mi intriga solitamente (Batman, sí) ma c’é tutto il fascino delle divinitá vichinghe e il suo travagliato dover scegliere tra l’essere re e …

Menzione speciale per Kit Dennings (2 Broke Girls) che ha una fisicitá e un tempo comico pazzeschi. Sí, é questa qui.

Bella davvero la sigla di coda con i credit, uno stile fumetto-schizzo molto appropriato. Alla Marvel hanno mantenuto la tradizione di un piccolo assaggio delle prossime avventure piazzato dopo i credit, quando la gente che soffre di iperattivitá o vescica debole ormai é uscita dalla sala; a questo giro per esagerare ne hanno messi addirittura due. Ringraziamo.

Se dopo averlo visto vi restano alcune domande qui trovare delle risposte: SPOILER ALERT!

Mr. Magorium e la bottega delle meraviglie

Wednesday, February 6th, 2008 by

Io ve lo dico poi fate quel che volete: non andate a vedere l’ultima impresa cinematografica di D. Hoffman. Mi riferisco a Mr Magorium e la bottega delle meraviglie; lo spot per di Hoffman una famosa marca di caffe’ è più meritevole.
Il film ha due soli pregi, il primo è la sua breve durata il secondo ve lo scrivo tra un attimo.
Trattasi secondo me di caso semplice: buona idea buttata via.
La storia è simpatica: un antico e magico negozio di giocattoli ogni giorno porta un briciolo di follia nella vita dei tanti bambini che lo affollano, vi succedono le cose più straordinarie, libri magici che creano con un battito di pagine il giocattolo cercato, porte che si aprono su stanze sempre diverse, palline rimbalzine dispettose che si nascondono dentro le scatole di altri giocattoli a via dicendo. Un negozio molto curato, in vecchio stile, perfetto per chi vuol fuggire dalle catene di giocattoli tutte uguali in tutto il mondo, tanti colori, tanta allegria e un proprietario folle che vive al piano di sopra in compagnia di una zebra.
Un giorno il negozio inzia a perdere colore, le magie scompaiono o impazziscono, Mr Magorium sta morendo e il suo negozio con lui perchè nessun altro ha il suo stesso tocco magico per tenerlo in vita.
Quale è il problema del film? gli mancano buoni 30 minuti di sceneggiatura, nessuno capisce da dove siano arrivati i personaggi, le loro relazioni, i loro legami come si sono generati, da dove arrivano i poteri di Mr Magorium? La sensazione è quella di essere entrati in sala a pellicola già iniziata.
Una buona occasione sprecata.
Il secondo pregio del film? la scena conclusiva, una dolcissima Natalie Portman che con il suo tocco magico da pianista, danzando tra i giocattoli morti e ingrigiti rianima tutto il negozio delle meraviglie; scena ben girata con romantiche riprese ad altezza pavimento, il movimento di quelle deliziose scarpe fa venire voglia di averne un paio uguali.

Poi ci sarebbe un’altra faccenda ma è questione da trattare in altro blog.

V for Vendetta

Saturday, November 11th, 2006 by

Remember, remember, In Flanders fields the poppies blow
The Fifth of November,
The Gunpowder Treason and Plot
I know of no reason
Why the Gunpowder Treason
Should ever be forgot

Non ci siamo dimenticati del 5 di Novembre. Ma abbiamo deciso di ricordarlo insieme a un altro giorno che non dovrebbe mai essere dimenticato. Quando vivevo nella perfida Albione andavo in giro a chiedere a quelli che mi capitavano a tiro se quello che festeggiavano durante la Notte dei Falò era l’idea di far saltare per aria il Parlamento oppure il fallimento di questo tentativo. Non posso più mettere in imbarazzo i nativi e farli diventare tutti rossi e quindi quale modo migliore di celebrare che una sesta visione del film che offre una risposta a questa domanda?

A me i fratelli W., lo ammetto, stanno vigorosamente sulle balle: due che sono riusciti a sputtanare in così malo modo un’idea geniale come Matrix andrebbero offerti in sacrificio umano alla Dea del Cinema. Devo però concedere che sotto l’apparenza del blockbuster, tra esplosioni, sparatorie, inseguimenti, effetti specialissimi e combattimenti splendidamente coreografati sono capaci di parlare di filosofia, religione, storia, politica e altri argomenti “pesi” in modo profondo e intelligente. Valeva in Matrix (nonostante lo scempio fatto) vale ancora di più in V. Fare un film su un terrorista anarchico in anni come questi richiede indubbiamente una buona dose di coraggio. Per farlo bene, costringendo a pensare un pubblico mediamente refrattario a farlo, bisogna essere bravi.

Non che l’adattamento di V sia del tutto indolore. Perchè ripulire e correggere il carattere di Evey, perchè le suggestioni romantiche? Perchè, poi, “scostare” la maschera e accennare a cosa c’e’ dietro? Chiedere a un uomo mascherato chi sia è un paradosso. Centrare il personaggio di V su questo paradosso permette di giocare sulla scissione tra l’uomo e l’idea, confondendo il messaggio originale che sono le idee che contano (“Beneath this mask there is more than flesh. Beneath this mask there is an idea, Mr. Creedy, and ideas are bulletproof!”). Voler “umanizzare” un personaggio troppo difficile da gestire mette in difficoltà i presupposti filosofici della sua storia. Tutto sommato, e nonostante Alan Moore l’abbia ripudiata (per motivi che sembrano comunque indipendenti dal film stesso), questa è comunque la cosa migliore che Hollywood abbia sfornato dal 2003 in qua.
Il tema del vendicatore mascherato che si incarica di ristabilire i diritti del popolo oppresso non è certo nuovo (Zorro, Batman, etc…), ma V è un vendicatore molto diverso dagli altri. Teatrale e sopra le righe, folle e mostruosamente razionale, non si preoccupa di mascherare o giustificare le sue azioni con nobili cause. Vuole l’anarchia e la sua vendetta personale. Mostro, pazzo, terrorista o eroe?
A ciascuno il suo: V non chiede di essere visto o giudicato in un certo modo, così come non cerca di imporre le sue idee o la sua agenda.

V for Vendetta è soprattutto un film politico: “People should not be afraid of their governments. Governments should be afraid of their people”. Quello che Moore scrisse negli anni del thatcherismo rampante assume oggi un significato totalmente diverso e molto più inquietante. Il cambio d’atmosfera nel film rispetto al fumetto è molto significativo. Gli aspetti più estremi della distopia di Moore sono stati diluiti e quella che in cui si muove il V del film può essere descritta più come uno stato autoritario che come una dittatura fascista. Una visione meno nera di quella originale, ma anche molto più realistica e più attuale. Un’evoluzione della società in una autocrazia “conservatrice” grazie alla lenta e costante erosione dei diritti civili, della privacy e alla manipolazione dei mezzi di comunicazione è molto più probabile che non la nascita di una vera e propria dittatura nel senso tradizionale del termine. Questo è, in effetti, quello che sta succedendo proprio adesso.
Infatti i riferimenti all’attualità si sprecano: dalla fobia islamica all’influenza aviaria, dagli allarmismi ecologici alle campagne anti-gay, dall’emergenza del terrorismo alla distorsione del linguaggio: in cambio di protezione e sicurezza (fittizie) si chiede di “limitare” o rinunciare ad alcuni diritti Ma è un patto con il diavolo (non a caso i riferimenti a Faust e a MacBeth).
C’è qualcosa di terribilmente sbagliato in questo paese. E in questo mondo. Forse qualcuno ne è più responsabile di altri, ma se cerchiamo il colpevole…
… dobbiamo solo guardare nello specchio.

Solo che a noi non verrà nessuno a salvarci.

Our integrity sells for so little, but it is all we really have. It is the very last inch of us. But within that inch we are free.